Ordine dei Farmacisti della Provincia di Pesaro e Urbino

martedì 12 Dicembre 2017

 

ricerca avanzata
 
 
Farmacie di turno
 

I turni delle farmacie della provincia vengono aggiornati ogni mese.

 
Farmacie della Provincia
 


L'indirizzario delle Farmacie viene aggiornato semestralmente.

 
Indirizzi utili

Aziende U.S.L., Ospedali, Guardia Medica, Ordini Farmacisti limitrofi, ecc.

 
 

Le pillole del farmacista

Novembre 2017
LA BULIMIA


La bulimia è uno dei più gravi e diffusi disturbi psicogeni dell’alimentazione, insieme all’anoressia. Mentre la manifestazione tipica dell’anoressia è l’astensione dal cibo, i bulimici sono soggetti a frequenti crisi, durante le quali si abbandonano, in modo più o meno consapevole, a vere e proprie “abbuffate”: si ingeriscono, cioè, quantità esagerate di cibo, in un tempo relativamente circoscritto, non per il piacere di mangiare o per la ricorrenza di determinate occasioni, bensì per assecondare un patologico senso di perdita del controllo e conferma della propria indole “fallimentare”. Mentre è pressoché normale assumere dosi alquanto maggiorate di cibo (anche fino a star male, a volte!) in certe saltuarie occasioni, come durante un ricevimento di nozze o simili, diventa a rischio di bulimia chi inizia a compiere le abbuffate di nascosto, in maniera compulsiva, provando profonda vergogna e una perdita di autostima tale da essere indotto a ripetere la triste esperienza almeno ogni tre o quattro giorni. Le abbuffate sono seguite da un senso di malumore e di disconoscimento del proprio corpo, associati a terrore di ingrassare: nella maggior parte dei casi, allora, si procede alle c.d. “condotte compensatorie”. Queste spesso consistono nel vomitare tutto quello che si è appena ingerito, generalmente in maniera forzata, ossia tramite l’introduzione nella bocca di due o più dita. In certi casi, però, si tenta di bilanciare lo squilibrio calorico tramite prolungati digiuni, tanto da rendere ancor più labile la linea di demarcazione tra bulimia e anoressia (la quale, del resto, a volte si estrinseca anche attraverso condotte di eliminazione, vomito compreso). In altre situazioni, il bulimico prova a compensare l’eccesso di cibo con metodi di dimagrimento che vanno da una pratica sportiva del tutto spropositata, magari compiuta in condizioni proibitive (ad esempio corsa con vestiti pesanti sotto il sole caldo), all’abuso di lassativi, diuretici, enteroclismi o altri farmaci, tra cui preparati a base di ormoni tiroidei, sostanze in grado di accelerare il metabolismo e, quindi, di “bruciare” più in fretta le calorie in esubero.
 
Archivio notizie   

Ordine dei Farmacisti della Provincia di Pesaro e Urbino
Galleria Roma, 8 - Scala D
61100 Pesaro
Tel. 0721 34802 - Fax 0721 378112
e-mail: info@ordfarmacistips.it
            ordinefarmacistipu@pec.fofi.it

 

Ordine dei Farmacisti della Provincia di Pesaro e Urbino Copyright 2005

web design: nowhere