Ordine dei Farmacisti della Provincia di Pesaro e Urbino

mercoledì 14 Novembre 2018

 

ricerca avanzata
 
 
Farmacie di turno
 

I turni delle farmacie della provincia vengono aggiornati ogni mese.

 
Farmacie della Provincia
 


L'indirizzario delle Farmacie viene aggiornato semestralmente.

 
Indirizzi utili

Aziende U.S.L., Ospedali, Guardia Medica, Ordini Farmacisti limitrofi, ecc.

 
 

Sanità ultime notizie

27 giugno 2005
Farmaci: 2004 anno difficile per l'industria italiana

Confermata la tendenza negativa già in atto nel biennio 2002-2003

Il 2004 anno difficile per l'industria farmaceutica italiana. Le imprese hanno vissuto, infatti, un ulteriore peggioramento del quadro economico-finanziario, confermando una tendenza negativa già in atto nel biennio 2002-2003. La crescita del mercato tricolore nel 2004 ha mostrato segnali di rallentamento, registrando un modesto +3,1%, in posizione di coda rispetto all'aumento segnato dagli altri Paesi più avanzati. In calo anche le esportazioni (-2,2%) e la redditività delle aziende (-20%), a fronte di una riduzione dei prezzi dei farmaci dell'1% rispetto al 2003.

Questi alcuni numeri del rapporto sull'evoluzione del settore farmaceutico nel 2004, diffusi oggi da Farmindustria, in occasione dell'assemblea generale dell'associazione, in corso a Roma nella sede della Confindustria. "Le imprese del farmaco - si legge nel rapporto - sono una parte importante del 'made in Italy' del futuro perché si distinguono per l'occupazione qualificata (70% di laureati o diplomati) e per la spiccata propensione verso la ricerca e l'innovazione. È quindi un settore su cui puntare per la crescita del Paese e per avere un ruolo nell'economia della conoscenza, massima priorità per lo sviluppo dell'Unione europea. Un obiettivo - si legge ancora - che si può raggiungere solo con un quadro legislativo stabile e favorevole alla crescita di medio e lungo periodo per invertire il trend negativo che dura ormai da tre anni".

In cifre, nel 2004, il mercato del farmaco in Italia è cresciuto del 3,1% rispetto al 4,9% della Francia, all'8,5% del Regno Unito, al 6,8% della Spagna, al 5,4% degli Usa, al 4,5% del Giappone e allo 0,5% della Germania. E dal 2002 il nostro Paese è quello con la crescita inferiore ai Paesi più avanzati. Le esportazioni sono in leggero calo (-2,2% nel 2004, -6,1% dal 2002) e il saldo con l'estero peggiora notevolmente (per i medicinali nel 2002 +1.515 milioni di euro, nel 2003 +763, nel 2004 +541 milioni di euro).

I prezzi, già tra i più bassi in Europa (-24% rispetto alla media), sono diminuiti dell'1% nel 2004 e del 5% dal 2002. "Tale situazione è particolarmente penalizzante per le industrie farmaceutiche tanto sul fronte interno, perché nello stesso periodo in Italia l'inflazione è stata del +5% - si legge nel rapporto - quanto rispetto agli altri Paesi, dove dal 2002 i prezzi dei farmaci sono diminuiti molto meno".

Quanto alla spesa farmaceutica totale (pubblica e privata) rimane più bassa rispetto alla media europea: Italia 323 euro pro-capite, contro 493 della Francia, 444 della Germania e 401 del Regno Unito. La spesa pubblica è cresciuta nel 2004 (+8%) ma dopo la flessione del 2002-2003 torna ai livelli del 2001, inferiori a quelli degli altri Paesi europei (Italia 207 pro-capite, Francia 315, Germania 247, Regno Unito 260). La redditività delle aziende ha subito un calo del 20% rispetto al 2003, che raggiunge il 30% se confrontata con quella del triennio 1999-2002. Determinante in questo senso è stata l'introduzione dello sconto del 6,8% del prezzo dei farmaci rimborsabili (fissato per decreto a giugno 2004), che ha comportato una sottrazione di profitti lordi di circa 260 milioni di euro. "Si tratta dell'ultimo di nove provvedimenti - sottolineano gli industriali - che in tre anni e mezzo hanno fatto gravare sulle imprese farmaceutiche un onere complessivo di 3,5 miliardi di euro".

Qualche segnale positivo si registra negli investimenti fissi (+2%) e soprattutto nell'area della Ricerca e Sviluppo. Nel 2004 le aziende hanno speso in R&S 839,4 milioni di euro, il 9,7% in più rispetto al 2003, un incremento superiore a quello della media industriale (5%) e doppio rispetto a quello della media nazionale. La ricerca per l'industria farmaceutica riveste sempre più un ruolo strategico, tanto che il 95% degli investimenti sono autofinanziati dalle aziende stesse. Infine, cresce leggermente anche l'occupazione, sebbene in misura minore rispetto al periodo 1996-2002. L'aumento è stato dell'1,6% solo nel 2004 e complessivamente del 2,1% nel biennio 2003-2004.

 
Archivio notizie   

Ordine dei Farmacisti della Provincia di Pesaro e Urbino
Galleria Roma, 8 - Scala D
61100 Pesaro
Tel. 0721 34802 - Fax 0721 378112
e-mail: info@ordfarmacistips.it
            ordinefarmacistipu@pec.fofi.it

 

Ordine dei Farmacisti della Provincia di Pesaro e Urbino Copyright 2005

web design: nowhere