Ordine dei Farmacisti della Provincia di Pesaro e Urbino

mercoledì 14 Novembre 2018

 

ricerca avanzata
 
 
Farmacie di turno
 

I turni delle farmacie della provincia vengono aggiornati ogni mese.

 
Farmacie della Provincia
 


L'indirizzario delle Farmacie viene aggiornato semestralmente.

 
Indirizzi utili

Aziende U.S.L., Ospedali, Guardia Medica, Ordini Farmacisti limitrofi, ecc.

 
 

Sanità ultime notizie

11 luglio 2005
L'intervento di Giuseppe Mascioni al Senato il 29 giugno

L'estratto dal Resoconto Stenografico della seduta

Estratto dal Resoconto Stenografico della seduta del Senato del 29 giugno

Mascioni (DS-U)
Domando di parlare per dichiarazione di voto
Presidente
Ne ha facoltà
Mascioni (DS-U)
Signor Presidente, signori rappresentanti del Governo, al di là dei toni, che mi sembrano eccessivamente enfatici, ai quali hanno fatto ricorso i colleghi della maggioranza, non si può non riconoscere che alcuni aspetti del provvedimento siano ispirati da buoni propositi. Penso, ad esempio, ad una accresciuta responsabilizzazione del farmacista, non in contrasto con le competenze del medico; penso all’impulso dato dalle liste di trasparenza dei medicinali di fascia C, al meccanismo della sostituzione (ricordato anche dal Senatore Di Girolamo in discussione generale) affidato alla riconosciuta professionalità del farmacista; penso all’attenzione alle persone diversamente abili, ma penso anche, in particolare, all’obiettivo di generare risparmi per i consumatori e le loro famiglie. Quest’ultimo obiettivo, molto sbandierato e che avrebbe dovuto qualificare il provvedimento, tuttavia viene annacquato dall’ambiguità del testo. Se si fosse accolto il nostro emendamento, signor Presidente, e signor Ministro, avremmo garantito un significativo ed effettivo risparmio da parte dei cittadini, in un quadro di sicurezza qual è quello garantito dal sistema delle farmacie, così come è strutturato nel nostro Paese, al quale ha fatto giustamente riferimento anche la senatrice Boldi. Non si è accettato l’emendamento che avrebbe ridotto del 20 per cento il prezzo di tutti i farmaci senza obbligo di prescrizione per quelli da banco, unica strada per garantire a tutti i cittadini le stesse opportunità e gli stessi diritti. Il Ministro – è stato detto – ha raggiunto l’accordo con i farmacisti. Bene, ma nutro qualche dubbio che sia positivo il fatto che i prezzi dei farmaci possa disinvoltamente variare da farmacia a farmacia, da luogo a luogo, magari anche in virtù di discutibili mercanteggiamenti. Esiste però un problema: l’obiettivo doveva essere più ambizioso,. Non bisognava solo trovare l’intesa con i farmacisti, ma soprattutto garantire a tutti i cittadini gli stessi diritti – come ho già detto – e le stesse opportunità. Signor Ministro, il cittadino che si rivolge alla farmacia rurale, il cittadino che vive in una zona extra urbana o montana o su un’isola minore, quale potere contrattuale potrà avere in ragione del disposto del decreto? Pressoché alcuno, perché in quei luoghi non avviene un processo di concorrenza come quello da lei annunciato. Con la nostra proposta ci facciamo carico dei problemi dei cittadini in questione e – se mi consente, signor Ministro – anche delle perplessità espresse dalla categoria dei farmacisti nei confronti dell’ipotesi di dover mercanteggiare sul prezzo di farmaci SOP e OTC. Abbiamo letto con attenzione le considerazioni dell’Anitrust, alcune delel quali sono sicuramente condivisibili. A mio parere personale, manca però nel fondo di quelle considerazioni, soprattutto in relazione alla possibilità di estendere ai supermercati la vendita dei farmaci, la piena consapevolezza che comunque sempre di farmaci parliamo, anche quando facciamo riferimento agli OTC. In ogni caso, un merito voglio ascrivere al provvedimento in esame. Mi riferisco al fatto di aver riaperto con forza la discussione su un problema di particolare rilevanza sociale che riguarda milioni di cittadini, la loro sicurezza e la loro tutela in termini economici. Considero questo un approccio iniziale al problema. Si poteva fare di più e in modo migliore. La nostra posizione, non pregiudiziale rispetto al provvedimento in esame, ci induce ad un voto di astensione.
(Applausi dai Gruppi DS-U, Mar-DL-U e dal Senatore Carella)

 

 
Archivio notizie   

Ordine dei Farmacisti della Provincia di Pesaro e Urbino
Galleria Roma, 8 - Scala D
61100 Pesaro
Tel. 0721 34802 - Fax 0721 378112
e-mail: info@ordfarmacistips.it
            ordinefarmacistipu@pec.fofi.it

 

Ordine dei Farmacisti della Provincia di Pesaro e Urbino Copyright 2005

web design: nowhere