Ordine dei Farmacisti della Provincia di Pesaro e Urbino

martedì 13 Novembre 2018

 

ricerca avanzata
 
 
Farmacie di turno
 

I turni delle farmacie della provincia vengono aggiornati ogni mese.

 
Farmacie della Provincia
 


L'indirizzario delle Farmacie viene aggiornato semestralmente.

 
Indirizzi utili

Aziende U.S.L., Ospedali, Guardia Medica, Ordini Farmacisti limitrofi, ecc.

 
 

Sanità ultime notizie

30 dicembre 2004
Comunicato Stampa Federfarma

Federfarma denuncia un clamoroso scandalo nella sanità

I farmacisti italiani, rappresentati da Federfarma, denunciano un clamoroso scandalo nella sanità. Si tratta di questo. Da molti anni le farmacie italiane raccolgono tutte le informazioni sulle ricette e sulla spesa farmaceutica pubblica, che vengono fornite entro tre settimane all’Agenzia del farmaco del ministero della Salute: il tutto con leadership in Europa e costi zero per lo Stato. Ora, il ministero dell’Economia ha affidato alla Sogei (senza gara e sulla base di criteri non resi pubblici) il compito di raccogliere gli stessi dati nelle  farmacie italiane. Il costo ufficiale è di 50 milioni di euro all’anno, che salgono notevolmente tenendo conto di varie voci accessorie e di oltre 4 milioni di euro di bonus fiscale a farmacie che già forniscono gratuitamente gli stessi dati ogni mese.

I farmacisti denunciano lo spreco, l’incompetenza e i rischi di chi sta mettendo in piedi un nuovo inutile carrozzone. Infatti:

  • si spreca denaro pubblico per ottenere dati già disponibili (altri ulteriori verrebbero forniti dalle farmacie sempre a costo zero, con semplici adattamenti gratuiti del software già in uso da anni)
  • si complica la vita dei cittadini, dei medici e dei farmacisti: per dirne una, il farmacista dovrebbe pretendere da chi gli chiede un farmaco rimborsabile la tessera sanitaria del destinatario del farmaco, il che - in assenza di adeguata informazione della popolazione – fa sì che il farmacista si trovi costretto a rifiutare il farmaco o a farlo pagare a tutti coloro che vanno a richiederlo per conto di un altro senza la sua tessera sanitaria (familiari, badanti, colf, portinai, amici, ecc.) con danno economico o complicazioni insopportabili proprio per le fasce più deboli della popolazione (poveri, disabili, non autosufficienti, soli, ecc.)
  • i farmacisti vengono inutilmente oberati di complicazioni burocratiche, che peggiorano il servizio al cittadino con nuove registrazioni e con il cambio di tecnologie e sistemi informatici
  • si espropriano il ministero della Salute e l’Agenzia del farmaco del loro ruolo, continuando a ridurre la salute ai soli aspetti economici, nel mentre si riducono i poteri delle Regioni, rendendo l’intero sistema farraginoso e meno efficiente di quello attuale
  • al fondo il sospetto è che in modo improvvido (per esempio la sperimentazione avviata in Abruzzo è fatta su dati  incompleti) si voglia rendere impossibile da parte delle farmacie la fornitura all’Agenzia del farmaco e ai giornalisti dei dati dettagliati mensili sull’andamento dei consumi e della spesa farmaceutica pubblica; infatti, se si andrà avanti sulla strada intrapresa, per molti mesi e probabilmente per anni il ministero dell’Economia non sarà in grado di fornire dati affidabili e completi, perdendo ogni monitoraggio della spesa solo per tacitare coloro, come i farmacisti italiani, che anche recentemente sono stati in prima linea nella denuncia dello sforamento della spesa farmaceutica pubblica.
In questo modo, con la scusa della trasparenza e della sacrosanta lotta agli sprechi sanitari, si foraggiano soluzioni e strutture inadeguate, per di più con forti rischi per la tutela della privacy del cittadino che con il sistema attuale è stata garantita sia dai medici sia dai farmacisti. Federfarma ha chiesto ai ministri Sirchia e Siniscalco di pronunciarsi su questo incredibile esempio di burocrazia centralistica spreca-risorse, che rende sempre più difficile la vita dei cittadini ammalati, specie se deboli e non abbienti. 
 
Archivio notizie   

Ordine dei Farmacisti della Provincia di Pesaro e Urbino
Galleria Roma, 8 - Scala D
61100 Pesaro
Tel. 0721 34802 - Fax 0721 378112
e-mail: info@ordfarmacistips.it
            ordinefarmacistipu@pec.fofi.it

 

Ordine dei Farmacisti della Provincia di Pesaro e Urbino Copyright 2005

web design: nowhere