Ordine dei Farmacisti della Provincia di Pesaro e Urbino

martedì 22 Maggio 2018

 

ricerca avanzata
 
 
Farmacie di turno
 

I turni delle farmacie della provincia vengono aggiornati ogni mese.

 
Farmacie della Provincia
 


L'indirizzario delle Farmacie viene aggiornato semestralmente.

 
Indirizzi utili

Aziende U.S.L., Ospedali, Guardia Medica, Ordini Farmacisti limitrofi, ecc.

 
 

Sanità ultime notizie

22 Settembre 2005
Pillola abortiva: Storace ordina sospensione sperimentazione


22/09/2005 08:00 Pillola abortiva: Storace ordina sospensione sperimentazione

"Il ministro della Salute, Francesco Storace, ha firmato un’ordinanza con la quale sospende la sperimentazione della cosiddetta pillola abortiva, a eccezione dei trattamenti in atto in regime di ricovero ospedaliero". Questo il testo del comunicato che oggi pomeriggio ha diffuso la notizia della sospensione della sperimentazione della pillola RU486 in atto presso l'ospedale Sant'Anna di Torino e sulla quale, nei giorni scorsi, c'erano stati ampi dibattiti e polemiche.

"La sperimentazione - continua il comunicato - potrà essere ripresa solo a condizione che venga notificato il rispetto rigoroso delle procedure e delle indicazioni del Consiglio superiore di Sanità".

Sempre nei giorni scorsi, ispettori dell'Aifa si erano recati presso il Sant'Anna per verificare il rispetto delle condizioni per l'avvio della sperimentazione e proprio oggi l'Agenzia ha consegnato al ministero i risultati dei controlli. L’ufficio stampa del ministero ha infatti informato che gli ispettori dell’Aifa hanno riscontrato presso il caso di una paziente che ha avuto una espulsione parziale, con seguito emorragico, fuori dal ricovero ospedaliero.


La notizia della sospensione ha ovviamente creato reazioni divergenti. Per l'assessore torinese alla Sanità Mario Valperda "sono stati applicati dei cavilli procedurali a una questione già approfondita sotto il profilo della legittimità. Siamo sconcertati di fronte a un intervento strumentale, ampiamente annunciato, che - ha sottolineato - non porta sostanziali modifiche nè sotto il profilo scientifico nè sotto il profilo della tutela della sicurezza delle donne che sono costrette a interrompere la gravidanza. Stupisce l'atteggiamento degli ispettori ministeriali che hanno smentito se stessi e il lavoro precedentemente svolto". Reazioni analoghe da parte della governtrice Mercedes Bresso per la quale la decisione "è una cosa inaudita e un abuso. Il ministro - sottolinea - Storace dovrebbe vergognarsi. Non sono ancora in grado di valutare come potremo agire perché non conosco i termini dell'ordinanza, ma sono certa che si tratti di pretesti. Politicamente ritengo la decisione una scorrettezza inaudita che non mi sarei aspettata da un ministro che è stato presidente di Regione fino a poco tempo fa".


"Di fronte all'ordinanza di un ministro, obbedisco. Ma per sospendere la sperimentazione della pillola RU486, le motivazioni devono essere valide, credibili e non politiche" è il parere di Silvio Viale, uno degli sperimentatori all'ospedale Sant'Anna. "Sul piano legale e sanitario - prosegue - eventuali osservazioni sono infondate. Come medico, mi indigna che ispettori non medici cerchino dei pretesti e che un ministro, non medico, li utilizzi per bloccare la sperimentazione". I camici bianchi sono tranquilli: da un punto di vista sanitario, tutto è avvenuto secondo le regole. "La sperimentazione - spiega - è partita da 15 giorni, con 10 pazienti a settimana. Al momento, ha abortito più della metà, in ospedale, entro poche ore dall'assunzione del farmaco". Quanto al caso contestato dagli ispettori, si tratta di una donna "che ha chiesto e ha firmato per essere dimessa perché si pensava che la pillola non avesse funzionato. Poi l'espulsione del feto è avvenuta a casa, ma non c'è stata alcuna emorragia".

La correttezza delle procedure viene ribadita da Vito Plastino, direttore sanitario dell'ospedale. "Abbiamo sempre osservato scrupolosamente le indicazioni ministeriali - spiega - e continueremo a farlo. Non sono arrivate comunicazioni, attendiamo che l' ordinanza arrivi, ma per ora abbiamo appreso della questione solo da fonti giornalistiche. Vedremo quali siano le motivazioni e cercheremo allora di capire se si tratti di questioni legate alle procedure".

Favorevole alla sospensione, invece, il sottosegretario Casellati, che considera la sperimentazione contraria alla legge 194 e ai protocolli. "Il nostro obiettivo primario - ha aggiunto - è la salute delle donne e se vogliamo offrire loro una efficace alternativa al trauma chirurgico di una operazione lo dobbiamo fare senza mettere a repentaglio la loro vita. Quando non si conoscono a fondo i motivi di una decisione - ha proseguito - è meglio non fare demagogia se la posta in gioco è la vita. Nessuna volontà dunque di rimettere in discussione la legge sull'aborto ma solo la necessità di adeguare la nuova sperimentazione alle disposizioni legislative oggi in vigore".

 
Archivio notizie   

Ordine dei Farmacisti della Provincia di Pesaro e Urbino
Galleria Roma, 8 - Scala D
61100 Pesaro
Tel. 0721 34802 - Fax 0721 378112
e-mail: info@ordfarmacistips.it
            ordinefarmacistipu@pec.fofi.it

 

Ordine dei Farmacisti della Provincia di Pesaro e Urbino Copyright 2005

web design: nowhere