Ordine dei Farmacisti della Provincia di Pesaro e Urbino

giovedì 24 Maggio 2018

 

ricerca avanzata
 
 
Farmacie di turno
 

I turni delle farmacie della provincia vengono aggiornati ogni mese.

 
Farmacie della Provincia
 


L'indirizzario delle Farmacie viene aggiornato semestralmente.

 
Indirizzi utili

Aziende U.S.L., Ospedali, Guardia Medica, Ordini Farmacisti limitrofi, ecc.

 
 

Sanità ultime notizie

19 ottobre 2005
Aiom: farmaci oncologici troppo costosi per budget ospedali

Medici con le mani legate

Oncologi con le mani legate dai budget di spesa. I costi dei farmaci anti-cancro innovativi minacciano i bilanci dei centri oncologici della Penisola. Con il rischio che i pazienti si vedano precluse le nuove molecole, più efficaci e meno tossiche rispetto al passato. A essere preoccupati sono ben 8 specialisti su 10: chiedono un fondo speciale per garantire ai malati le terapie innovative. Appena un anno fa il problema dei costi preoccupava un oncologo su due.

Questi i dati del sondaggio promosso dall'Associazione italiana di oncologia medica, che ha coinvolto quasi 1.000 oncologi, e presentato al VII congresso dell'Aiom, che riunisce da oggi a Napoli 2.700 specialisti. Il 90% dei camici bianchi ritiene inadeguate le norme che regolano in Italia l'utilizzo dei farmaci di ultima generazione. E chiede interventi urgenti, perché a essere penalizzati non siano gli oltre 292mila italiani colpiti ogni anno da un tumore. Corsia preferenziale per le terapie innovative, istituzione di un fondo speciale, ricerca, utilizzo dei farmaci con un'indicazione diversa da quella per cui sono stati approvati: sono questi i problemi posti sul tavolo di confronto fra Aiom e Agenzia italiana del farmaco.

"Fra gli oncologi italiani - afferma Roberto Labianca, presidente Aiom - sta aumentando la preoccupazione che le restrizioni e i vincoli di bilancio possano impedire l'accesso dei pazienti ai farmaci innovativi. È un rischio concreto - sottolinea - Da tempo abbiamo posto il problema del rimborso dei medicinali ad alto costo, come quelli anticancr i Drg sono insufficienti a coprire queste spese". Da qui la richiesta di un fondo speciale, istituito in altri Paesi come la Francia, "per evitare una pesante ingiustizia sociale". Già oggi un terzo della spesa per farmaci in ospedale è assorbito da molecole anti-cancro.

Non si può "strangolare" nè tantomeno "punire", è l'appello degli oncologi, chi tratta pazienti complessi che richiedono terapie ad alto costo. Terapie che sempre più permetteranno di aumentare la sopravvivenza, in Italia già al di sopra della media europea. Fra i problemi più sentiti dagli specialisti, l'utilizzo di farmaci per indicazioni diverse da quelle per cui sono stati approvati ('off label').

È il caso del Trastuzumab, molecola innovativa utilizzata per trattare il 25% delle pazienti con tumore del seno con metastasi: secondo nuovi studi, potrebbe essere assunto con efficacia in una fase meno avanzata della malattia, per potenziare l'effetto dell'intervento chirurgico. Prima che vengano ampliate le indicazioni terapeutiche, però, potrebbero passare anni: per il 64% degli oncologi, il farmaco va dato comunque, anche 'fuori indicazione'. Gli specialisti chiedono anche meno burocrazia e tempi più rapidi per l'arrivo dei nuovi farmaci a disposizione dei pazienti.

"Noi oncologi - sottolinea Emilio Bajetta, che assumerà la carica di presidente dell'Aiom alla fine del congresso di Napoli - rivedichiamo il diritto a utilizzare una terapia nel momento in cui ne viene documentata scientificamente l'efficacia. Con l'Aifa - spiega - è stato definito l'avvio di uno studio nazionale sull'uso delle molecole 'off label'. Un uso che gli oncologi già fanno, ma con difficoltà di spesa e problemi di ordine medico-legale. Attraversiamo un momento di rivoluzione dell'armamentario terapeutico a nostra disposizione: siamo intenzionati a intervenire sui meccanismi di rimborsabilità dei farmaci perché ai pazienti deve essere garantito ciò che la ricerca mette a disposizione".

 
Archivio notizie   

Ordine dei Farmacisti della Provincia di Pesaro e Urbino
Galleria Roma, 8 - Scala D
61100 Pesaro
Tel. 0721 34802 - Fax 0721 378112
e-mail: info@ordfarmacistips.it
            ordinefarmacistipu@pec.fofi.it

 

Ordine dei Farmacisti della Provincia di Pesaro e Urbino Copyright 2005

web design: nowhere