Ordine dei Farmacisti della Provincia di Pesaro e Urbino

lunedì 19 Novembre 2018

 

ricerca avanzata
 
 
Farmacie di turno
 

I turni delle farmacie della provincia vengono aggiornati ogni mese.

 
Farmacie della Provincia
 


L'indirizzario delle Farmacie viene aggiornato semestralmente.

 
Indirizzi utili

Aziende U.S.L., Ospedali, Guardia Medica, Ordini Farmacisti limitrofi, ecc.

 
 

Sanità ultime notizie

13 gennaio 2005
All'orizzonte nuovi farmaci contro la depressione

Ricerca del CNR di Cagliari

I farmaci del futuro contro la depressione? Molecole che, ricostruendo nel cervello del paziente nuove reti neuronali, gli 're-insegneranno' a vivere e pensare senza la malattia. E' la promessa che arriva da nuovi studi su animali e che mette in campo contro la malattia un'impostazione terapeutica del tutto nuova, ha riferito Luca Pani dell'Istituto di neurogenetica e neurofarmacologia del CNR di Cagliari che ha spiegato le sue ricerche in una conferenza stampa a Roma. Le molecole alla base dei farmaci di nuova generazione, i primi, ha sottolineato l'esperto, potrebbero arrivare gia' nel giro di cinque anni, agiranno sui fattori trofici, ovvero stimoleranno la produzione di fattori di crescita che a loro volta stimoleranno la formazione di nuove connessioni tra neuroni, formando nuovi circuiti che il paziente iniziera' ad usare abbandonandone altri, quelli malati. A questa 'rieducazione' del cervello del paziente, ha spiegato Pani, si contribuira' anche dall'esterno con interventi di psicoterapia ad hoc, di tipo cognitivo-comportamentale, nonche' di supporto interpersonale. Queste terapie, se ben condotte, possono infatti essere efficaci sui nuovi circuiti ed agire in sinergia con il farmaco. L'idea di curare la depressione con molecole che stimolino i fattori di crescita neurali, ha spiegato Pani, viene dal modalita' innovative di osservazione dei modelli animali di laboratori. Gli scienziati si sono accorti che in risposta a stimoli stressanti o a condizioni che inducono la paura, nel cervello degli animali decresce la produzione di fattori di crescita. Questo puo' creare modificazioni dei circuiti che, se lo stimolo negativo perdura, portano alla malattia. I farmaci oggi in uso, molti dei quali peraltro hanno ancora meccanismo d'azione da scoprire e forse funzionano proprio attivando i fattori di crescita, agiscono per lo piu' sulle terminazioni nervose eccitando o inibendo l'attivita' dei neuroni. Quindi, per quanto efficaci, possono produrre sbalzi d'umore. Viceversa le nuove molecole saranno degli stabilizzatori dell'umore, ha concluso Pani, perche' indurranno modifiche permanenti nei circuiti nervosi sia ripristinando quelli malati sia creandone di nuovi che poi saranno istruiti a funzionare in modo non patologico. I farmaci del futuro contro la depressione? Molecole che, ricostruendo nel cervello del paziente nuove reti neuronali, gli 're-insegneranno' a vivere e pensare senza la malattia. E' la promessa che arriva da nuovi studi su animali e che mette in campo contro la malattia un'impostazione terapeutica del tutto nuova, ha riferito Luca Pani dell'Istituto di neurogenetica e neurofarmacologia del CNR di Cagliari che ha spiegato le sue ricerche in una conferenza stampa a Roma. Le molecole alla base dei farmaci di nuova generazione, i primi, ha sottolineato l'esperto, potrebbero arrivare gia' nel giro di cinque anni, agiranno sui fattori trofici, ovvero stimoleranno la produzione di fattori di crescita che a loro volta stimoleranno la formazione di nuove connessioni tra neuroni, formando nuovi circuiti che il paziente iniziera' ad usare abbandonandone altri, quelli malati. A questa 'rieducazione' del cervello del paziente, ha spiegato Pani, si contribuira' anche dall'esterno con interventi di psicoterapia ad hoc, di tipo cognitivo-comportamentale, nonche' di supporto interpersonale. Queste terapie, se ben condotte, possono infatti essere efficaci sui nuovi circuiti ed agire in sinergia con il farmaco. L'idea di curare la depressione con molecole che stimolino i fattori di crescita neurali, ha spiegato Pani, viene dal modalita' innovative di osservazione dei modelli animali di laboratori. Gli scienziati si sono accorti che in risposta a stimoli stressanti o a condizioni che inducono la paura, nel cervello degli animali decresce la produzione di fattori di crescita. Questo puo' creare modificazioni dei circuiti che, se lo stimolo negativo perdura, portano alla malattia. I farmaci oggi in uso, molti dei quali peraltro hanno ancora meccanismo d'azione da scoprire e forse funzionano proprio attivando i fattori di crescita, agiscono per lo piu' sulle terminazioni nervose eccitando o inibendo l'attivita' dei neuroni. Quindi, per quanto efficaci, possono produrre sbalzi d'umore. Viceversa le nuove molecole saranno degli stabilizzatori dell'umore, ha concluso Pani, perche' indurranno modifiche permanenti nei circuiti nervosi sia ripristinando quelli malati sia creandone di nuovi che poi saranno istruiti a funzionare in modo non patologico.
 
Archivio notizie   

Ordine dei Farmacisti della Provincia di Pesaro e Urbino
Galleria Roma, 8 - Scala D
61100 Pesaro
Tel. 0721 34802 - Fax 0721 378112
e-mail: info@ordfarmacistips.it
            ordinefarmacistipu@pec.fofi.it

 

Ordine dei Farmacisti della Provincia di Pesaro e Urbino Copyright 2005

web design: nowhere