Ordine dei Farmacisti della Provincia di Pesaro e Urbino

mercoledì 14 Novembre 2018

 

ricerca avanzata
 
 
Farmacie di turno
 

I turni delle farmacie della provincia vengono aggiornati ogni mese.

 
Farmacie della Provincia
 


L'indirizzario delle Farmacie viene aggiornato semestralmente.

 
Indirizzi utili

Aziende U.S.L., Ospedali, Guardia Medica, Ordini Farmacisti limitrofi, ecc.

 
 

Sanità ultime notizie

17 gennaio 2005
Nuove scoperte sui farmaci usati contro la demeza senile

Potrebbero essere attenuati i danni irreversibili al cervello da traumi e lesioni

Farmaci oggi usati contro i sintomi della demenza senile potrebbero attenuare i danni irreversibili al cervello dovuti a lesioni o traumi. E' quanto auspicano ricercatori dell'universita' di Cambridge che hanno annunciato sulla rivista 'Brain' studi in corso su pazienti per testare questi farmaci. I ricercatori stanno testando l'effetto degli inibitori della colinesterasi, molecole somministrate ai pazienti con morbo di Alzheimer, su 31 giovani pazienti reduci da incidenti di media-alta gravita' con traumi cerebrali. Le lesioni riscontrate sui pazienti, ha spiegato la coordinatrice dello studio Claire Salmond, determinano la riduzione della materia grigia che sembra legata a uno sbilanciamento della concentrazione di acetilcolina, una molecola che i neuroni usano per comunicare tra loro. La colinesterasi e' un enzima 'forbice' che rompe e disattiva l'acetilcolina diminuendone la quantita' e, quindi, incidendo sull'attivita' di comunicazione dei neuroni. Gli inibitori della colinesterasi, quindi, intrappolando la forbice, determinano un aumento della quantita' di acetilcolina. Cio' e' utile ai malati di Alzheiimer perche' l'attivita' neuronale e' alla base dei processi di apprendimento, concentrazione, memoria che in questi soggetti sono compromessi. Ma lo stesso processo potrebbe essere cruciale anche nelle persone che, per incidente o cadute gravi, sono gravate da deficit d'attenzione o d'apprendimento. I ricercatori britannici hanno gia' sottoposto a vari esami diagnostici i pazienti scelti per verificare l'efficacia dei farmaci e ottenuto immagini del loro cervello, riscontrando la riduzione di materia grigia proprio in aree critiche per l'apprendimento. Le anomalie rilevate, hanno detto gli esperti, sembrano essere legate a quantita' sbilanciate di acetilcolina. Per questo motivo, hanno spiegato i ricercatori, ''proprio ora stiamo conducendo una sperimentazione clinica con gli inibitori della colinesterasi per verificare i benefici e il grado di efficacia di una simile terapia su questo tipo di pazienti''.
 
Archivio notizie   

Ordine dei Farmacisti della Provincia di Pesaro e Urbino
Galleria Roma, 8 - Scala D
61100 Pesaro
Tel. 0721 34802 - Fax 0721 378112
e-mail: info@ordfarmacistips.it
            ordinefarmacistipu@pec.fofi.it

 

Ordine dei Farmacisti della Provincia di Pesaro e Urbino Copyright 2005

web design: nowhere