Ordine dei Farmacisti della Provincia di Pesaro e Urbino

mercoledý 26 Settembre 2018

 

ricerca avanzata
 
 
Farmacie di turno
 

I turni delle farmacie della provincia vengono aggiornati ogni mese.

 
Farmacie della Provincia
 


L'indirizzario delle Farmacie viene aggiornato semestralmente.

 
Indirizzi utili

Aziende U.S.L., Ospedali, Guardia Medica, Ordini Farmacisti limitrofi, ecc.

 
 

SanitÓ ultime notizie

28 febbraio 2006
La campagna stampa di Federfarma

12 annunci nei prossimi mesi

 ''Di che partito e' la salute?''. E' il quesito provocatorio cui gli italiani saranno chiamati a rispondere il giorno prima delle elezioni. A porglielo saranno i farmacisti da un annuncio a tutta pagina sul quotidiano che i lettori/elettori avranno per le mani l'8 aprile. E sara' solo uno dei 12 grandi annunci che da domani in poi, con due diversi comunicati a settimana per tre settimane di seguito, cercheranno di catturare l'attenzione del grande pubblico sulla realta' delle farmacie italiane. E' una campagna di informazione senza precedenti, quella annunciata oggi a Milano da Federfarma. Una campagna ''orchestrata non contro qualcuno - ha premesso il presidente nazionale Giorgio Siri, presentandola - ma rivolta ai cittadini per dar loro una informazione corretta su che cosa e' la farmacia e sui rischi di una deregolazione che non vogliamo''. Federfarma - federazione nazionale che rappresenta 15.500 farmacie private convenzionate col servizio sanitario - l'ha affidata alla creativita' di Gavino Sanna. ''Una campagna grande - ha affermato il pubblicitario tornato apposta in attivita', dopo che due anni fa aveva dichiarato di essersi messo in pensione - che si basera' soprattutto su 12 annunci a tutta pagina, ma avra' anche un seguito in farmacia, dove gli italiani troveranno cartelli colorati con un contenuto analogo a quello degli annunci sui quotidiani e anche piccoli depliant informativi impilati accanto alla cassa. ''Vogliamo rafforzare nei cittadini, nei politici e negli amministratori pubblici - ha detto Siri - la consapevolezza del contributo apportato quotidianamente dalla farmacia alla tutela della salute del Paese. Una consapevolezza che di sicuro esiste, ma talvolta non riesce ad emergere sufficientemente. Per questo la campagna evidenzia con quali operazioni il farmacista, dall' interno della farmacia e con tutte le garanzie che essa assicura, mette il farmaco a disposizione del cittadino''. ''Ma non sara' una campagna pubblicitaria - ha spiegato Sanna - quanto piuttosto una campagna sociale, in considerazione del fatto che la farmacia non e' un prodotto da vendere e vuole rimanere estranea a derive consumistiche e a comunicazioni urlate''. Niente spot, quindi e niente slogan vuoti, ma un testo lungo (che nei cartelli esposti in farmacia sara' sunteggiato) che attirera' l'attenzione del lettore con il colore variopinto della pagina di giornale (ogni comunicato un colore diverso dal viola iniziale al rosso, all'azzurro, al rosa) e con un titolo accattivante. Il primo messaggio avra' per titolo 'Farmacia, la casa della salute': occupera' domani la VI pagina di Repubblica e dopodomani la IV pagina del Corriere della Sera. Gia' in questo primo messaggio si fanno passare concetti sui quali si e' recentemente sviluppata la polemica, anche politica, con i farmacisti, accusati da piu' parti di fare corporazione, di non voler cedere privilegi accumulati negli anni. In particolare vi si afferma: ''La farmacia la trovate ovunque, anche in tanti piccoli comuni...dove a volte non c'e' uno di quegli esercizi della grande distribuzione in cui qualcuno chiede di vendere i farmaci senza ricetta''. Significativi anche i titoli di altri annunci: il secondo sara', 'Non mettete i farmacisti nell' angolo' (riferendosi all'angolo del supermercato); 'A Rocca de' Baldi non c'e' supermercato', 'Buongiorno signor Mario, come sta?'. Il sesto annuncio ha un titolo piu' articolat 'Sono le due del mattino, hai un gran mal di testa, cosa fai?'. E ancora: 'Un etto di cotto, uno di crudo e mezz'etto di naprossene sodico'. Un annuncio fa riferimento agli sconti: 'Oggi vi curiamo al 50%, va bene?', un altro documenta 'La presa della pastiglia', fino al quesito elettorale: 'Di che partito e' la salute?'. E Siri ha anche detto di essersi preoccupato di intavolare un confronto con le forze politiche, ''perche' - ha detto - non si puo' parlare di sconti se non si dice che il prezzo fatto dalle industrie e' un prezzo equo (e li' qualcuno ha fatto il furbo!) e se non si sgombra il campo da altri equivoci come quello di certi farmaci che sono da banco a basso dosaggio, ma non lo sono piu' se il dosaggio raddoppia (come per certi farmaci contro il mal di testa, ndr.)''. Per richiamare su ''questa situazione ombrosa'' l' attenzione delle forze politiche, Siri ha scritto due lettere, una a Prodi e una a Berlusconi. ''La risposta ai quesiti posti non c'e' stata - ha detto il presidente di Federfarma rispondendo alle domande dei giornalisti - ma e' arrivata comunque una promessa di convocazione''.
 
Archivio notizie   

Ordine dei Farmacisti della Provincia di Pesaro e Urbino
Galleria Roma, 8 - Scala D
61100 Pesaro
Tel. 0721 34802 - Fax 0721 378112
e-mail: info@ordfarmacistips.it
            ordinefarmacistipu@pec.fofi.it

 

Ordine dei Farmacisti della Provincia di Pesaro e Urbino Copyright 2005

web design: nowhere