Ordine dei Farmacisti della Provincia di Pesaro e Urbino

martedý 12 Dicembre 2017

 

ricerca avanzata
 
 
Farmacie di turno
 

I turni delle farmacie della provincia vengono aggiornati ogni mese.

 
Farmacie della Provincia
 


L'indirizzario delle Farmacie viene aggiornato semestralmente.

 
Indirizzi utili

Aziende U.S.L., Ospedali, Guardia Medica, Ordini Farmacisti limitrofi, ecc.

 
 

SanitÓ ultime notizie

17 novembre 2017
Remunerazione, nodo Ŕ nelle risorse. Per discussione nel merito si guarda a Legge di StabilitÓ

Articolo tratto da Farmacista33

Il nodo più importante è quello delle risorse e la discussione è in qualche modo legata a evoluzioni e tempistiche della Legge di Stabilità. Fatto sta che il terzo appuntamento tra Sisac, Federfarma e Assofarm, svoltosi all'inizio della settimana, per il rinnovo della convenzione, che ha contato anche il coinvolgimento dell'Aifa, ha visto la presentazione da parte delle sigle della Farmacia di un documento con proposte e analisi - punti principali affrontati per ora Dpc e Servizi - ma «di fatto è stato un incontro interlocutorio: ci addentreremo nel merito dei contenuti con ogni probabilità dopo la Legge di Stabilità» spiega Venanzio Gizzi, presidente di Assofarm. Durante la riunione, è stato consegnato, ha spiegato il presidente di Federfarma, Marco Cossolo, su Filodiretto «un documento contenente le proposte congiunte di Federfarma e di Assofarm, in sostanza la nostra "contropiattaforma" all'Atto di indirizzo delle Regioni. Nella seduta si è così sviluppata una discussione con la Sisac che si è subito concentrata sui tre temi-chiave del rinnovo convenzionale, almeno per noi: riforma della remunerazione, dpc e farmacia dei servizi». Tra i contenuti del documento consegnato, aggiunge Gizzi, «e su cui abbiamo presentato le nostre riflessioni, c'è una ricerca sui costi, Regione per Regione, della Dpc, evidenziando anche quanto viene riconosciuto alle farmacie, dalle aree più virtuose, come Lazio e Lombardia, ai casi più complessi, come l'Emilia Romagna. Un altro punto toccato ha riguardato i servizi: abbiamo presentato, anche in questo caso, uno studio, sotto il profilo tecnico, con una simulazione dei tempi impiegati dal farmacista per i servizi erogati su patologie quali per esempio diabete, Bpco, e così via. Questo anche nella direzione di fornire un dato su cui ragionare per la remunerazione».
E proprio sull'aspetto della remunerazione sono state rilevate le maggiori «criticità»: come già avevamo anticipato (Farmacista33 - 13 novembre), riportando un commento di Cossolo, «la proposta di Federfarma e Assofarm è quella di replicare lo schema della nuova Tariffa nazionale e puntare dunque su un onorario professionale legato alla dispensazione».

All'incontro era presente anche la dirigente dell'Aifa Ida Fortino, «in considerazione del ruolo sul tema. Dall'Aifa» continua Gizzi «abbiamo ascoltato le riflessioni e avanzato le nostre considerazioni. A ogni modo, abbiamo accolto l'invito partito dalle Regioni e dalla Sisac di riprendere una trattativa che entri nel merito della convenzione dopo la Legge di Stabilità, per vedere le novità che ne emergeranno e soprattutto per capire come proseguirà il discorso sulle risorse». E l'auspicio è che si possa trovare nei dispositivi attualmente all'esame della politica un supporto.
«Da parte nostra abbiamo fatto presente che qualcosa sul piatto va messo, altrimenti non capiamo in che maniera si possa fare una convenzione che possa incidere sul Ssn. D'altra parte, quella per le farmacie sarebbe l'unica convenzione a invarianza di costi, mentre per altre categorie professionali le risorse in aumento sono state previste, almeno sulla carta. A ogni modo tutti insieme abbiamo condiviso la necessità e l'auspicio di una proroga al decreto della nuova remunerazione che scade a fine anno, finora effettivamente prorogato in occasione dei Milleproroghe». Intanto, proprio oggi le Regioni hanno di nuovo rinviato l'Ok al Ddl Bilancio a giovedì prossimo, per continuare a trattare con il Governo, in particolare sul tema di un aumento del Fondo sanitario nazionale - che tra tagli pregressi e contributi alla finanza pubblica si stima sia a quota 112,1 miliardi, mettendo in dubbio, anche per le Regioni, il rinnovo di contratti e convenzioni. E tra le ipotesi sul piatto c'è anche quella di tornare a parlare di governance dei farmaci.
 
Archivio notizie   

Ordine dei Farmacisti della Provincia di Pesaro e Urbino
Galleria Roma, 8 - Scala D
61100 Pesaro
Tel. 0721 34802 - Fax 0721 378112
e-mail: info@ordfarmacistips.it
            ordinefarmacistipu@pec.fofi.it

 

Ordine dei Farmacisti della Provincia di Pesaro e Urbino Copyright 2005

web design: nowhere