Ordine dei Farmacisti della Provincia di Pesaro e Urbino

giovedì 15 Novembre 2018

 

ricerca avanzata
 
 
Farmacie di turno
 

I turni delle farmacie della provincia vengono aggiornati ogni mese.

 
Farmacie della Provincia
 


L'indirizzario delle Farmacie viene aggiornato semestralmente.

 
Indirizzi utili

Aziende U.S.L., Ospedali, Guardia Medica, Ordini Farmacisti limitrofi, ecc.

 
 

Sanità ultime notizie

9 marzo 2006
Allergie

Più della metà dei pazienti italiani non si è mai rivolta al medico di famiglia

Piu' della meta' degli allergici italiani non si e' mai rivolta al medico di famiglia per curare il proprio disturb e' quanto emerge da un'indagine Eurisko, condotta su un totale di 14.000 adulti provenienti da tutta Italia e presentata oggi a Milano in occasione della conferenza stampa 'Allergia: il buongiorno si respira dal mattino'. Il dato pero' non sorprende gli esperti. ''I pazienti - spiega Claudio Cricelli, presidente della Societa' Italiana di Medicina Generale - non vogliono perdere tempo dal medico, sono infastiditi dalle lunghe attese. Per questo curano da soli i disturbi 'marginali' come gli starnuti o la congestione causata dalle allergie stagionali''. Disturbi che pero' non sono cosi' lievi come sembran durante il picco di allergia, infatti, il 53% dei malati lamenta una stanchezza eccessiva; il 51% dichiara di diventare irritabile e di veder compromesso il proprio rendimento sul lavoro; il 40% circa ha addirittura difficolta' a concentrarsi nello studio. ''Sono disturbi che interferiscono con la qualita' della vita - commenta Giorgio Walter Canonica, presidente del World Allergy Organisation -. E' anche per questo che i pazienti rifiutano gli anti-istaminici usati finora, che notoriamente provocano sonnolenza. Che qualita' della vita c'e', se uno dorme sempre?''. Per fortuna - ricordano gli esperti - esistono antistaminici di nuova generazione, dal costo contenuto (circa 10 euro per 20 compresse, rimborsabili in classe A) e capaci di prolungare la propria efficacia per 24 ore, senza provocare sonnolenza e quindi influenzare la concentrazione. ''Questo - aggiunge Canonica - proprio perche' bisogna intervenire nel migliorare la qualita' di vita, e non piu' solo interrompendo il sintomo allergico''. Ma quanto e' diffuso in Italia il problema delle allergie? ''Molto - spiega Isabella Cecchini, del Dipartimento Salute Eurisko -. Tanto che coinvolge circa un italiano su cinque, con una concentrazione maggiore per i grandi centri abitati''. Le allergie sono un disturbo prevalentemente stagionale (70% dei casi), colpisce piu' le donne (61%, contro il 39% degli uomini) e i giovani (il 58% degli allergici ha meno di 44 anni). Il momento piu' critico, nel 50% dei casi, e' al mattino, quando i sintomi sono molto piu' accentuati. Ed e' proprio in questo momento della giornata che bisogna stare particolarmente attenti agli allergeni, quelle sostanze cioe' che scatenano l'allergia. A questo proposito gli esperti consigliano di minimizzare l'esposizione con il principale allergene, l'acaro della polvere, coprendo ad esempio materassi e cuscini con fodere anallergiche. Inoltre e' consigliabile evitare le attivita' all' aperto nei periodi in cui la concentrazione di pollini nell'aria e' molto elevata (ad esempio tra le 5 e le 10 del mattino); usare un impianto di condizionamento in casa e sostituirne frequentemente i filtri; cambiare gli abiti al rientro in casa; e infine, evitare di far asciugare il bucato all'aria aperta, perche' i pollini possono accumularsi sugli indumenti stessi.
 
Archivio notizie   

Ordine dei Farmacisti della Provincia di Pesaro e Urbino
Galleria Roma, 8 - Scala D
61100 Pesaro
Tel. 0721 34802 - Fax 0721 378112
e-mail: info@ordfarmacistips.it
            ordinefarmacistipu@pec.fofi.it

 

Ordine dei Farmacisti della Provincia di Pesaro e Urbino Copyright 2005

web design: nowhere