Ordine dei Farmacisti della Provincia di Pesaro e Urbino

giovedý 24 Maggio 2018

 

ricerca avanzata
 
 
Farmacie di turno
 

I turni delle farmacie della provincia vengono aggiornati ogni mese.

 
Farmacie della Provincia
 


L'indirizzario delle Farmacie viene aggiornato semestralmente.

 
Indirizzi utili

Aziende U.S.L., Ospedali, Guardia Medica, Ordini Farmacisti limitrofi, ecc.

 
 

SanitÓ ultime notizie

18 maggio 2006
Livia Turco Minsitro della Salute

Gli apprezzamenti del mondo della Farmaciae e i primi programmi

Apprezzamento e auguri al neo ministro della Salute Livia Turco arrivano anche dal mondo del farmac la Federazione degli Ordini dei farmacisti, Fofi, i farmacisti della Federfarma e i produttori dei farmaci di automedicazione Anifa. ''La storia politica dell'onorevole Turco garantisce che la difesa della sanita' pubblica e del Ssn sara' il principio al quale il nuovo ministro ispirera' la sua azione di governo. In questo, sappia fin d'ora che trovera' nei farmacisti italiani sostenitori leali e convinti'': ha commentato Giacomo Leopardi, presidente della Fofi. Nell augurare buon lavoro a nome dell intera professione farmaceutica, Leopardi ha auspicato che la Turco sia disponibile a incontrare le rappresentanze del mondo sanitario. ''Credo ad esempio che un incontro per un'analisi serena sui problemi del servizio farmaceutico sia non solo utile ma necessario'' ha detto il presidente dei farmacisti ''anche alla luce dell ormai prossima fine del blocco dei listini dei farmaci Sop e Otc, che potrebbe innescare un nuovo allarme prezzi gia' all inizio del 2007''. ''Resto convinto - ha proseguito ancora il presidente della Federazione - che in materia di farmaci i prezzi debbano essere governati attraverso un processo di attenta e intelligente concertazione, capace di contemperare gli interessi delle parti e le compatibilita' del sistema''. ''La professione farmaceutica e' fin d ora disponibile a un confronto sereno e responsabile su questi e gli altri temi del settore del farmaco'', ha concluso Leopardi, ricordando l'affidabilita' del servizio farmaceutico italiano e la sua lunga tradizione di perfetta e funzionale integrazione nel sistema di salute del Paese, al servizio dei cittadini. Federfarma parla di apprezzamento ''per la nomina al dicastero di una persona con un ricco curriculum politico organizzativo, con esperienza adeguata a condurre la sanita italiana, di carattere tenace nel perseguire gli obiettivi e di riconosciuta capacita' e integrita' morale''. ''Siamo sicuri - afferma Giorgio Siri, presidente di Federfarma - che il ministro Livia Turco sapra' dare risposte alle esigenze di salute dei cittadini e sara' disponibile a confrontarsi con gli operatori sanitari per trovare le soluzioni piu' appropriate ai problemi che esistono e a quelli che si porranno nel tempo''. ''Unisco le piu' vive congratulazioni per l'incarico agli auguri per i prossimi anni di governo che certo non saranno privi di sfide importanti e nodi cruciali da sciogliere, soprattutto nel campo della sanita' e della salute'' ha aggiunto Angelo Zanibelli, presidente di Anifa (Associazione nazionale dell'industria farmaceutica dell'automedicazione). ''La mia speranza piu' viva - tiene allora a sottolineare Zanibelli - e' che il nuovo ministro possa davvero farsi carico di scelte in grado di valorizzare pienamente un comparto - quello dell'automedicazione - fondamentale per la salute dei cittadini, e sostenere assieme la competitivita' dell'intero settore farmaceutico italiano, aiutando le aziende nazionali e quelle multinazionali ad investire in un settore strategico per il nostro Paese''.
__________________________________________________________________
Un Dpef ''coerente e reale rispetto alle necessita' economiche di governo del sistema sanitario'', un piano di investimenti da realizzare ''con priorita' verso il Mezzogiorno'' ed una ''grande azione mirata per gli anziani non autosufficienti, che preveda con tutte le regioni alcune priorita' immediate in termini di prestazioni e servizi''. Sono queste le tre priorita' che il neo-ministro della Salute Livia Turco intende realizzare nei primi 100 giorni di governo. Ad illustrare quelle che saranno le linee di azione del nuovo governo nel settore sanitario e' la stessa Turco, in un'intervista pubblicata sul Forum della ricerca biomedica (www.forumbm.it), ente nato nel 1992 per iniziativa dell'Universita' di Milano, Censis, Farmindustria e di alcune industrie farmaceutiche con lo scopo di contribuire allo sviluppo della ricerca biomedica in Italia. Un'intervista che conferma quando il neo ministro ha detto uscendo dal Quirinale subito dopo il giuramento nel nuovo governo. Turco ha infatti parlato di fondi in finanziaria e di impegno per la medicina del territorio. Turco nell'intervista rilasciata solo pochi giorni fa e pubblicata ora, delinea dunque priorita' e obiettivi da perseguire, a partire, anche, da un ''piano di rientro dai disavanzi sanitari che sia almeno quinquennale'' e l'istituzione di un Fondo nazionale per la non autosufficienza. Ma c'e' un'altra urgenza che il neo-ministro identifica come una priorita' per il Sistema sanitario nazionale del paese: puntare sempre di piu' sulla medicina del territorio, anche in considerazione del costante e progressivo invecchiamento della popolazione. Ecco i principali 'nodi' affrontati da Livia Turco, nodi che saranno tra i temi centrali della sua futura azione di governo. - LISTE DI ATTESA: CONCERTAZIONE E STOP PRESTAZIONI INUTILI E' un ''argomento centrale - ha affermato Turco - per risolvere una contraddizione tra diritti e realta' delle prestazioni erogate''. Tale questione, ha spiegato, ''puo' trovare soluzione se si riesce ad individuare strumenti e modi di collaborazione con tutti gli attori del sistema, sia quelli che operano sul versante prescrittivo sia quelli a tutela del cittadino. L'obiettivo che mi propongo e' quello di promuovere la capacita' del Ssn di intercettare sia a livello centrale che periferico il reale bisogno di prestazioni per garantire con efficienza ed efficacia le risposte ai bisogni individuati. Cio' - ha sottolineato - ci consentira' di eliminare l'eccesso di domande inappropriate che pure esiste, e di erogare le prestazioni efficaci per garantire i livelli essenziali di assistenza''. Insomma, il segreto per governare il tema delle liste di attesa, afferma il neo-ministro, ''e' una concertazione condivisa con gli operatori e il sistema organizzativo territoriale e una trasparenza e conoscenza da parte dei cittadini sull'appropriatezza di tante prestazioni che a volte si richiedono ripetutamente o inutilmente''. - RILANCIARE RUOLO MEDICI DI MEDICINA GENERALE ''Da tempo mi batto per la valorizzazione del ruolo dei medici di medicina generale, poiche' sono i primi interlocutori dei cittadini. E' evidente - ha rilevato Turco - che bisogna ripensare tutto il sistema delle cure primarie nel quale porre al centro il ruolo del medico come effettivo tutore della salute del cittadino. Ma non e' semplice e occorre superare rivalita' e visioni settoriali nel mondo medico e dare il giusto peso alle cure primarie rispetto ad un sistema diventato troppo ospedalocentrico''. - RIORGANIZZARE SISTEMA: PIU' MEDICINA DI TERRITORIO Turco punta a ''disingolfare i pronto soccorso e gli ospedali da tutto cio' che li' si riversa per mancanza di un'efficace medicina di territorio. Occorre quindi traslare i futuri investimenti in Sanita' - ha detto - sulla implementazione dell'organizzazione sanitaria territoriale e riorganizzare le sedi ospedaliere per interventi ad alta intensita' con appropriate tecnologie e sistemi di cure avanzate''. - SPESA SANITARIA: FONDO INTORNO A 95 MILIARDI DI EURO ''Bisognera' dotarsi - ha annunciato Turco - di un Fondo sanitario nazionale almeno intorno ai 95 mld di euro, concertare con tutte le regioni un piano di rientro almeno quinquennale dal debito, in cui lo Stato puo' farsi garante a seconda degli obiettivi che le regioni raggiungono con tempi e metodi certi di governo della spesa e dei progetti di salute''. - SUBITO FONDO NAZIONALE PER LA NON AUTOSUFFICIENZA Prioritaria la questione dell'invecchiamento della popolazione, puntando su ''domiciliarita', servizi di sostegno e di riabilitazione'': ''Ci siamo assunti un impegno nel nostro programma - ha concluso Turco - di affrontare immediatamente la costituzione di un fondo nazionale per la non autosufficienza e per costruire insieme alle regioni i livelli essenziali di assistenza sociale''.
 
Archivio notizie   

Ordine dei Farmacisti della Provincia di Pesaro e Urbino
Galleria Roma, 8 - Scala D
61100 Pesaro
Tel. 0721 34802 - Fax 0721 378112
e-mail: info@ordfarmacistips.it
            ordinefarmacistipu@pec.fofi.it

 

Ordine dei Farmacisti della Provincia di Pesaro e Urbino Copyright 2005

web design: nowhere