Ordine dei Farmacisti della Provincia di Pesaro e Urbino

lunedý 16 Luglio 2018

 

ricerca avanzata
 
 
Farmacie di turno
 

I turni delle farmacie della provincia vengono aggiornati ogni mese.

 
Farmacie della Provincia
 


L'indirizzario delle Farmacie viene aggiornato semestralmente.

 
Indirizzi utili

Aziende U.S.L., Ospedali, Guardia Medica, Ordini Farmacisti limitrofi, ecc.

 
 

SanitÓ ultime notizie

5 giugno 2006
Pfizer lascia i farmaci da banco.

Svolta 'etica' per la grande casa farmaceutica.

 

- NEW YORK -  GlaxoSmithkline vuole conquistare la divisione dei farmaci da banco, quelli senza obbligo di prescrizione messi in vendita dalla Pfizer, ed e' pronta a staccare un assegno superiore a 15 miliardi di dollari.
L'offerta, secondo le proiezioni degli analisti, valuta piu' di 3,6 volte il giro d'affari segnato dall'unita' nel 2005, pari a 3,88 miliardi, e conferma l'interesse dei grandi gruppi farmaceutici per il settore dei medicinali da banco, al centro di un processo di consolidamento destinato ad accelerare.
Se la Pfizer, primo gruppo al mondo, ha deciso il disimpegno strategico dai farmaci da banco per concentrarsi sui comparti a maggior valore aggiunto come la ricerca contro il cancro, altre compagnie si stanno riposizionando sui medicinali generici in previsione del fatto che molti governi vedono nell'eliminazione della prescrizione un modo per arginare gli oneri delle spese sanitarie a carico dello Stato.
 Nella divisione messa in vendita dalla Pfizer i prodotti di punta sono il colluttorio Listerine (leader sul mercato Usa) e il decongestionante Sudafed. La posta in gioco e' alta perche' l'acquisizione, se portata a termine, permetterebbe a GlaxoSmithkline, primo operatore farmaceutico in Europea, di diventare il numero uno al mondo nei medicinali generici. L'operazione, oltre a portare il fatturato aggregato dagli attuali 5,6 miliardi di dollari a sfiorare i 10 miliardi, ha il pregio - secondo gli analisti di Nomura Code - di non creare problemi antitrust, oltre a presentare interessanti sinergie grazie al fatto che il gruppo britannico ha infrastrutture operative negli Stati Uniti e potrebbe quindi tagliare i costi di produzione.
Per queste ragioni, sottolinea il Financial Times, la gara di vendita ha tutte le caratteristiche per essere combattuta a colpi di miliardi. Tra i candidati, che avranno tempo fino al 6 giugno per presentare le rispettive proposte per la divisione di Pfizer, figurano colossi come Johnson & Johnson (alle prese con un riposizionamento strategico dopo la sconfitta nell'acquisto di Guidant, il gruppo dei defibrillatori), Wyeth, Reckitt Benckiser e Bayer. Colgate-Palmolive si sarebbe defilata, mentre anche Novartis, dopo aver partecipato alla prima fase dell'asta, avrebbe manifestato il proprio disimpegno.
 In Borsa, intanto, i titoli Pfizer passano di mano a 23,99 dollari (+0,38%), gli ads Glaxo a 55,93 dollari (-0,09%).

FONTE: ANSA NEWS. 

 
Archivio notizie   

Ordine dei Farmacisti della Provincia di Pesaro e Urbino
Galleria Roma, 8 - Scala D
61100 Pesaro
Tel. 0721 34802 - Fax 0721 378112
e-mail: info@ordfarmacistips.it
            ordinefarmacistipu@pec.fofi.it

 

Ordine dei Farmacisti della Provincia di Pesaro e Urbino Copyright 2005

web design: nowhere