Ordine dei Farmacisti della Provincia di Pesaro e Urbino

mercoledì 23 Maggio 2018

 

ricerca avanzata
 
 
Farmacie di turno
 

I turni delle farmacie della provincia vengono aggiornati ogni mese.

 
Farmacie della Provincia
 


L'indirizzario delle Farmacie viene aggiornato semestralmente.

 
Indirizzi utili

Aziende U.S.L., Ospedali, Guardia Medica, Ordini Farmacisti limitrofi, ecc.

 
 

Sanità ultime notizie

18 luglio 2006
Decreto Bersani, L'opinione del Presidente Romeo Salvi

'Deve essere riconosciuta la professionalità e la competenza dei farmacisti'

Il Consiglio dell’Ordine dei Farmacisti di Pesaro e Urbino, che rappresenta 600 iscritti che operano nelle varie realtà della professione, si è riunito l’11 luglio.

La discussione ha portato alla consapevole preoccupazione che la storica e riconosciuta funzione sanitaria che il farmacista ha sempre svolto, assieme al medico e agli altri operatori sanitari, in particolare nei centri rurali e periferici, prerogativa del servizio farmaceutico del nostro paese, sia messa in forte discussione dal Decreto Bersani.

L’azione governativa, con discutibile carattere d’urgenza e con metodi inusuali, giustificata dalla presunta necessità di adeguarsi alla realtà socio-economica, di fatto colpisce e modifica in maniera sostanziale l’intero sistema farmaceutico, un settore regolato da norme consolidate che il cittadino utilizza in maniera libera e ne riconosce il funzionamento.

Il provvedimento, nel suo insieme analizzato attentamente senza alcun tipo di retaggio ideologico, strutturato a prevalente valenza commerciale, favorisce i grandi gruppi produttivi e commerciali che hanno l’appoggio a volte strumentale dei media e delle sedicenti organizzazioni a favore del consumatore e attacca l’istituto farmacia, banalizza il farmaco, ridimensiona l’autonomia professionale e non solo commerciale del farmacista.

Il Consiglio dell’Ordine, dopo attenta e rigorosa analisi, farà di tutto per promuovere e salvaguardare la professionalità e una qualificata occupazione dei propri iscritti, davanti a possibili cambiamenti, pur nella consapevolezza che esistono al suo interno realtà eterogenee, di pari dignità professionale, con aspettative che molto spesso non sono state realizzate, spesso in antitesi, alle quali si riconosce autonomia decisionale rispetto alle nuove composizioni date dal decreto stesso.

Il Consiglio avverte anche che, in qualità di garante e controllore del servizio farmaceutico nel suo insieme, cambiando le regole in maniera unilaterale, potrebbe trovarsi in difficoltà nel richiedere ai propri iscritti i compiti e le funzioni che spettano al farmacista, sancite dalla Costituzione (art. 32) e riportate dai Piani Sanitari Regionale e Nazionale.

Si fa notare con sorpresa, a proposito, come in contemporanea al decreto sia entrato in vigore il DL 219/06 relativo al Nuovo Codice Comunitario dei medicinali per uso umano, che modifica la spedizione dei farmaci con ricetta medica e che di fatto conferma l’utilità del presidio farmacia.

Farmacia italiana pubblica e privata, che, grazie alla professionalità di tutto il personale, sul territorio ha svolto e svolge un’attività costante con coinvolgimenti umani, culturali e sociali differenti storicamente e non sovrapponibili a realtà e culture di altri Paesi, sulla quale vigila l’Ordine Professionale che, fra gli altri compiti, ha anche la funzione di educazione all’uso del farmaco e di prevenzione in senso lato, compiti sempre svolti e documentati (www.ordfarmacistips.it).

Per questo, come cittadini e come professionisti, abbiamo il diritto che ci venga riconosciuta concretamente la professionalità, fatta di competenze specifiche, e riteniamo sbagliati i metodi ed i contenuti del decreto, in quanto non si fa alcun riferimento a questi presupposti e altresì si privilegiano soggetti che nulla hanno a che fare con la professione.

Invitiamo, pertanto, i politici promotori e non, a riconsiderarne il contenuto, nel vero interesse della cittadinanza tutta, riportando il dibattito su toni rispettosi e costruttivi, consoni da sempre alla nostra professione e pretendiamo una presa di posizione chiara da parte degli organismi di riferimento sanitari Ministero della Salute, Assessore alla Sanità Regionale, Sindaci.

Per il Consiglio dell'Ordine dei Farmacisti di Pesaro & Urbino
Il Presidente, dr. Romeo Salvi

 
Archivio notizie   

Ordine dei Farmacisti della Provincia di Pesaro e Urbino
Galleria Roma, 8 - Scala D
61100 Pesaro
Tel. 0721 34802 - Fax 0721 378112
e-mail: info@ordfarmacistips.it
            ordinefarmacistipu@pec.fofi.it

 

Ordine dei Farmacisti della Provincia di Pesaro e Urbino Copyright 2005

web design: nowhere