Ordine dei Farmacisti della Provincia di Pesaro e Urbino

sabato 26 Maggio 2018

 

ricerca avanzata
 
 
Farmacie di turno
 

I turni delle farmacie della provincia vengono aggiornati ogni mese.

 
Farmacie della Provincia
 


L'indirizzario delle Farmacie viene aggiornato semestralmente.

 
Indirizzi utili

Aziende U.S.L., Ospedali, Guardia Medica, Ordini Farmacisti limitrofi, ecc.

 
 

SanitÓ ultime notizie

22 agosto 2006
CL discute la pillola abortiva Ru 486.

Una truffa per consentire la privatizzazione dell' aborto.


"La pillola Ru486 e' una truffa colossale sulla pelle delle donne, dal sapore squisitamente mediatico-commerciale e dalla valenza politica: far esplodere la legge 194 per consentire la privatizzazione dell'aborto".
Non usa mezze misure Assuntina Morresi, docente associato di chimica presso l'Universita' di Perugia, mentre illustra al Meeting di Cl a Rimini il suo libro scritto a quattro mani con Eugenia Roccella, giornalista ed ex leader del Movimento di Liberazione della donna: 'La favola dell'aborto facile. Miti e realta' della pillola RU486'.
Un tema, quello della pillola "della discordia", che ha scaldato la numerosa platea di Cl. Nel corso del dibattito, al quale ha preso parte anche Giancarlo Cesana, leader laico di Comunione e Liberazione, la RU486 e' stata definita il "farmaco incubo" (cosi' chiamato in Cina) che non e' identificabile con la pillola del giorno dopo, ma come un composto ormonale letale che provoca in successione la necrosi dell'embrione per assenza di nutrimento ed un falso aborto spontaneo "molto doloroso", e soprattutto emorragico, entro 15/30 giorni dall'assunzione dei farmaci.
Giancarlo Cesana ha sottolineato l'estrema accuratezza e precisione del lavoro scientifico proposto e, nell'introdurre la seconda autrice, ne ha evidenziato la partecipazione attiva nei movimenti femministi. "Parita' e differenza" e' invece lo slogan che Eugenia Roccella ha lanciato ai giovani in platea per difendere la maternita', "oggi terribilmente minacciata". In realta' questa "truffa colossale dal sapore squisitamente mediatico-commerciale ha una valenza politica: far esplodere la legge 194 per consentire la privatizzazione dell' aborto.
 L' intento preciso - sostiene la Roccella fra gli applausi della platea - e' quello di diffondere una idea di 'aborto a domicilio', che inibirebbe qualsiasi tentativo di prevenzione, perche' cosi' non si incontrano piu' le donne, e porterebbe l' aborto fuori dagli ospedali'".
Secondo la Roccella, le ricadute sociali di questa privatizzazione dell' aborto "rappresentano il lato oscuro della maternita': il rapporto fra madre e bambino rientrerebbe cosi' nella sfera della privacy, mentre nella maggior parte dei casi le morti avvengono tra il tinello e la cucina, nella totale solitudine e nella sottostima dei sintomi da parte dei medici.
L' attacco alla maternita', con tutti gli strumenti biotecnologici e scientifici, e' un attacco al cuore della civilta', dal momento che il rapporto madre-figlio rappresenta un atto di riconoscimento pubblico e sociale". "In Italia - ha concluso Roccella- persa la battaglia sociale, si e' pensato di evitare il Parlamento, attraverso le politiche sociali regionali: sette regioni tra cui la Puglia, la Toscana e il Piemonte, hanno iniziato una sperimentazione diretta del farmaco. Ci vuole una grande sorveglianza su questi temi, e io sono qui per vincere questa battaglia".

FONTE: AGI SALUTE

 
Archivio notizie   

Ordine dei Farmacisti della Provincia di Pesaro e Urbino
Galleria Roma, 8 - Scala D
61100 Pesaro
Tel. 0721 34802 - Fax 0721 378112
e-mail: info@ordfarmacistips.it
            ordinefarmacistipu@pec.fofi.it

 

Ordine dei Farmacisti della Provincia di Pesaro e Urbino Copyright 2005

web design: nowhere