Ordine dei Farmacisti della Provincia di Pesaro e Urbino

sabato 21 Luglio 2018

 

ricerca avanzata
 
 
Farmacie di turno
 

I turni delle farmacie della provincia vengono aggiornati ogni mese.

 
Farmacie della Provincia
 


L'indirizzario delle Farmacie viene aggiornato semestralmente.

 
Indirizzi utili

Aziende U.S.L., Ospedali, Guardia Medica, Ordini Farmacisti limitrofi, ecc.

 
 

SanitÓ ultime notizie

31 ottobre 2006
Indagine Censis sui farmacisti e sul loro lavoro

L'80% Ŕ soddisfatto

L'80% dei farmacisti e' soddisfatto del suo lavoro, ma avverte disagio e qualche perplessita' sul futuro e la percezione del suo ruolo nell'opinione pubblica. L'80,2% e' preoccupato dalla liberalizzazione della vendita dei farmaci perche' compromette la centralita' del servizio farmaceutico territoriale; il 74% denuncia una progressiva riduzione del riconoscimento sociale della sua figura e il 77,2% avverte di essere considerato alla stregua di un commerciante. Sono alcuni dati che emergono dalla ricerca sul ruolo del farmacista nella societa' italiana, realizzata dal Censis per il Fofi su un campione di 2.300 laureati in farmacia e tecnologie farmaceutiche, presentata la settimana scorsa a Roma. Una professione, quella del farmacista, che rischia di essere compressa dall'industrializzazione di massa del farmaco e dal fatto che la farmacia e' rimasta ancora nella sua dimensione di bottega. ''La farmacia e' un sistema rigido'', ha detto il segretario generale del Censis, Giuseppe De Rita ''Le due categorie dove c'e' piu' mobilita' - ha proseguito - sono quelle degli informatori scientifici e dei ricercatori, coloro quindi che lavorano in un contesto aziendale. La farmacia, invece, e' rimasta come una bottega e rischia di rimanere strangolata da un sistema dove il farmaco e' il piu' grosso affare del secolo, ha una dimensione vera, e senz'altro si e' persa quella che era la dimensione territoriale di rapporto col cittadino''. La ricerca sottolinea inoltre un giudizio non molto positivo sulla formazione che questi professionisti ricevono. Solo il 32,2%, infatti, ritiene le competenze universitarie adeguate alle esigenze della professione, mentre per quel che riguarda la formazione continua, anche se il 63,4% valuta positivamente l'attuale sistema, l'80% si lamenta che non sia gratuito nonostante l'obbligatorieta' e il 37% lo considera una perdita di tempo. Nonostante queste lacune formative, il 65,7% degli intervistati ha trovato un lavoro a tempo indeterminato ad un anno dalla laurea, mentre i contratti con minore stabilita' rappresentano il 10-15%. Tuttavia e' da segnalare il fatto che quasi il 40% (che sale al 55,7% per i collaboratori) dei farmacisti ha trovato lavoro utilizzando le relazioni familiari e di amicizia, e il 17,2% lavora presso la farmacia di famiglia. Solo il 18,2% ha trovato lavoro tramite concorso e il 10,1% con l'invio del suo curriculum. La proposta di liberalizzare maggiormente la professione e' una delle questioni piu' scottanti per i farmacisti. Il 77,5% del campione si e' dichiarato contrario all'abolizione dell'Ordine professionale. ''Tutt'al piu' - ha commentato Franco Caprino, segretario nazionale di Federfarma - si puo' pensare o a dare piu' potere all'ordine o semplificare la sua struttura, cosi' come ha previsto il decreto Bersani per altri enti pubblici, lasciando solo il direttore. E' comunque necessario che l'ordine svolga un maggiore controllo sull'attivita' professionale, anche su quella delle Coop, se necessario''.
 
Archivio notizie   

Ordine dei Farmacisti della Provincia di Pesaro e Urbino
Galleria Roma, 8 - Scala D
61100 Pesaro
Tel. 0721 34802 - Fax 0721 378112
e-mail: info@ordfarmacistips.it
            ordinefarmacistipu@pec.fofi.it

 

Ordine dei Farmacisti della Provincia di Pesaro e Urbino Copyright 2005

web design: nowhere