Ordine dei Farmacisti della Provincia di Pesaro e Urbino

mercoledý 19 Settembre 2018

 

ricerca avanzata
 
 
Farmacie di turno
 

I turni delle farmacie della provincia vengono aggiornati ogni mese.

 
Farmacie della Provincia
 


L'indirizzario delle Farmacie viene aggiornato semestralmente.

 
Indirizzi utili

Aziende U.S.L., Ospedali, Guardia Medica, Ordini Farmacisti limitrofi, ecc.

 
 

SanitÓ ultime notizie

17 gennaio 2007
Influenza

Il ritardo della patologia dovuta alla stagione sfalsata

L'influenza, quest'anno, ha fatto 'flop'. Si attendeva un'epidemia massiccia, contrariamente a quanto accaduto lo scorso anno, e invece i temuti virus influenzali non hanno colpito e l'epidemia stagionale non e' ancora cominciata. La ragione sta anche nelle anomalie climatiche che, in pieno inverno, fanno registrare temperature semi-primaverili. Ma attenzione, avverte Stefania Salmaso, responsabile del Centro nazionale di Epidemiologia dell'Istituto Superiore di Sanita', l'epidemia, anche se comunque contenuta, e' probabile si verifichi fra 5-6 settimane. Febbraio, dunque, sara' il mese che potrebbe, in ritardo, mettere a letto i tanti che al momento sperano di 'averla scampata': ''Nella prima settimana del 2007 - ha spiegato Salmaso - si e' registrato un aumento di casi di sindromi influenzali minimo, pari a 1,76 per 1000 abitanti. Questo vuol dire che gli italiani a letto ogni settimana sono circa 5.000, un'incidenza molto bassa se si considera che l'epidemia stagionale ad alta incidenza colpisce di solito circa 5 milioni di persone''. Come prevedibile, quelli piu' colpiti restano i bambini, tra i quali diffuse sono le sindromi respiratorie. Ma il dato in controtendenza, ha sottolineato l'esperta, e' che ''rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso si registra un andamento simile dei casi, mentre, sulla base dei nostri studi previsionali, ci attendevamo un'incidenza molto maggiore. Questo perche', solitamente, si e' osservato che c'e' un'alternanza e ad una stagione a bassa incidenza, come e' stata quella 2005-6, ne segue di solito una ad alta incidenza, complice anche la comparsa, di anno in anno, di virus nuovi''. Invece, le previsioni sono state disattese, in Italia ma anche negli altri paesi europei. Il motivo? Varie possono essere le cause, a partire da una stagione invernale davvero molto strana: ''E' difficile dirlo - ha affermato Salmaso - ma e' probabile che il caldo fuori tempo abbia contribuito ad impedire il dilagare dell'infezione; con il freddo, infatti, si abbassano le difese immunitarie ed e' molto piu' facile ammalarsi''. Ma anche la maggiore diffusione della vaccinazione antinfluenzale ed il fatto che non siano stati pressoche' rilevati virus nuovi, ha detto l'esperta, possono aver contribuito alla minore virulenza dell'infezione. Il picco, comunque, arrivera': ''Ma visto il ritardo - ha concluso Salmaso - chi lo volesse e' ancora in tempo a vaccinarsi''. Il vaccino garantisce infatti la copertura nell'arco di tre settimane. Quanto basta per riuscire a contrastare il virus, grande ritardatario, dell'influenza 2007.
 
Archivio notizie   

Ordine dei Farmacisti della Provincia di Pesaro e Urbino
Galleria Roma, 8 - Scala D
61100 Pesaro
Tel. 0721 34802 - Fax 0721 378112
e-mail: info@ordfarmacistips.it
            ordinefarmacistipu@pec.fofi.it

 

Ordine dei Farmacisti della Provincia di Pesaro e Urbino Copyright 2005

web design: nowhere