Ordine dei Farmacisti della Provincia di Pesaro e Urbino

mercoledý 26 Settembre 2018

 

ricerca avanzata
 
 
Farmacie di turno
 

I turni delle farmacie della provincia vengono aggiornati ogni mese.

 
Farmacie della Provincia
 


L'indirizzario delle Farmacie viene aggiornato semestralmente.

 
Indirizzi utili

Aziende U.S.L., Ospedali, Guardia Medica, Ordini Farmacisti limitrofi, ecc.

 
 

SanitÓ ultime notizie

30 aprile 2007
Tumori e sopravvivenza

Gli ultimi dati

I tumori, oggi, fanno meno paura. La sopravvivenza a questa patologia, negli ultimi anni, e' infatti aumentata significativamente ed a confermarlo sono anche gli ultimi dati relativi ai registri tumori italiani. Ma resta una nota dolente: se ci si ammala nelle regioni del Sud Italia, le possibilita' di sopravvivere sono inferiori del 10%. Segno che l'Italia della sanita' e delle opportunita' di accesso alle migliori cure disponibili resta, ancora, divisa in due. Il dato positivo, dunque, e' che la sopravvivenza ai tumori a cinque anni dalla diagnosi e' del 45,7% negli uomini e del 57,5% nelle donne: un risultato in linea con la media europea e che mostra un miglioramento negli ultimi vent'anni. I dati arrivano da uno studio pubblicata sulla rivista 'Epidemiologia e prevenzione' e curato da Stefano Rosso del Centro di prevenzione oncologica di Torino, che ha esaminato la situazione della sopravvivenza ai tumori in Italia in base ai dati dell'Associazione italiana registri tumori (Airt). Lo studio e' diffuso sul sito dell'Istituto superiore di sanita' (Iss) 'Epicentro'.- AUMENTA SOPRAVVIVENZA IN ITALIA E MIGLIORANO TERAPIEI risultati mostrano che oggi la sopravvivenza a cinque anni dalla diagnosi e' del 45,7% negli uomini e del 57,5% nelle donne, per tutti i tumori esclusi i carcinomi della cute.Questi dati rappresentano un aumento rispetto al 1985 di circa il 15%, mentre per la sopravvivenza a dieci anni il miglioramento e' circa del 6%. La maggiore sopravivenza e' attribuita alla accresciuta disponibilita' di terapie efficaci e alla diffusione dei programmi di screening.- MA AL SUD 10% POSSIBILITA' IN MENO DI FARCELA Il dato negativo e' rappresentato invece dalle differenze dal punto di vista geografic la sopravvivenza al Nord e al Centro e' infatti piu' alta di circa il 10% rispetto al Sud. In media, i dati italiani sono in linea con quelli degli altri Stati europei, ma non ancora ai livelli degli Stati Uniti. Ad ogni modo, ha commentato il presidente dell'Iss Enrico Garaci, ''e' necessaria cautela nell'analizzare questi dati, senza dimenticare che il campione preso come riferimento nelle regioni meridionali e' comunque numericamente inferiore rispetto a quello considerato nel nord sulla base dei registri tumori''. - TUMORI ESOFAGO E FEGATO I PIU' MORTALILa percentuale di sopravvivenza dipende in modo significativo dal tipo di tumore: i piu' mortali sono i mesoteliomi (8,2%), i tumori dell'esofago (11,5%), del fegato (10,5% per gli uomini e 11,6% per le donne), delle vie biliari (13,7%), del pancreas (5,1% per gli uomini e 7,8% per le donne), del polmone (11,9% per gli uomini e 15,3% per le donne) e dell'encefalo (18,9% per gli uomini e 20,4% per le donne). Le prospettive di sopravvivenza migliori, invece, sono per i tumori al labbro (89,5%), i melanomi della pelle (79% per gli uomini e 87% per le donne), i tumori della mammella (82,6%), del corpo dell'utero (75,9%), della prostata (78,5%), del testicolo (88,1%), della tiroide (79,1% per gli uomini e 88,1% per le donne) e i linfomi di Hodgkin (80%).
 
Archivio notizie   

Ordine dei Farmacisti della Provincia di Pesaro e Urbino
Galleria Roma, 8 - Scala D
61100 Pesaro
Tel. 0721 34802 - Fax 0721 378112
e-mail: info@ordfarmacistips.it
            ordinefarmacistipu@pec.fofi.it

 

Ordine dei Farmacisti della Provincia di Pesaro e Urbino Copyright 2005

web design: nowhere