Ordine dei Farmacisti della Provincia di Pesaro e Urbino

martedì 20 Agosto 2019

 

ricerca avanzata
 
 
Farmacie di turno
 

I turni delle farmacie della provincia vengono aggiornati ogni mese.

 
Farmacie della Provincia
 


L'indirizzario delle Farmacie viene aggiornato semestralmente.

 
Indirizzi utili

Aziende U.S.L., Ospedali, Guardia Medica, Ordini Farmacisti limitrofi, ecc.

 
 

Sanità ultime notizie

4 giugno 2007
La lotta contro il fumo

Aumenta il consumo di sigarette e vanno protetti i minori

Aumenta il fumo fra gli italiani che, dopo una battuta di arresto con l'entrata in vigore della legge che ha vietato il fumo nei locali pubblici, hanno ricominciato ad accendere sigarette come prima, anzi di piu': in media 14 al giorno contro le 13 consumate quotidianamente nel 2006. Lo rivela un'indagine della Doxa commissionata dall'Istituto superiore di sanita' (Iss), presentata oggi nel corso del IX convegno nazionale sul tabagismo e Servizio sanitario nazionale. In tutto il vizio riguarda 12 milioni di italiani, ha ricordato il presidente dell'Iss, Enrico Garaci, di cui un milione e 200 mila giovani tra i 15 e i 24 anni e ben 130 mila giovanissimi tra i 15 e i 17 anni. Sono soprattutto gli uomini a spendere di piu' per l'acquisto di sigarette: il 27 % dei maschi fumatori spende piu' di 100 euro al mese. Se il prezzo minimo di un pacchetto aumentasse a 5 euro, quasi un terzo dei fumatori ne ridurrebbe il consumo e il 9,5% smetterebbe del tutto. In Italia i consumi sono quindi in aumento. Nel 2006 si e' avuto un incremento delle vendite dell'1,1% rispetto al 2005. I guadagni legati alla vendita di sigarette, trinciati, fiuti e sigari ammontano per il 2006 a 12,5 miliardi di euro. E vanno di moda i pacchetti da 10. Aumentano anche le vendite transfrontaliere: 30 mila chilogrammi in piu' nel 2004 rispetto al 2003 ed ancora 66 mila chili in piu' nel 2005 rispetto al 2004. Anche Internet ha le sue colpe: in rete si possono acquistare stecche con prezzi allettanti, ma non c'e' alcun controllo sull'eta' dell'acquirente.
Vietare la vendita di sigarette ai minori di 18 anni: e' quanto propone il ministro della Salute, Livia Turco, in occasione della Giornata mondiale senza tabacco. Una proposta che, rileva il ministro in una nota, si inquadra nelle iniziative per la lotta al fumo. Quest'ultima, osserva, ''resta tra le grandi priorita' delle politiche di salute del Governo e del ministero della Salute in particolare''. Il ministro propone di recepire in questo modo la Convenzione dell'Organizzazione Mondiale dela Sanita' (Oms) sul controllo del tabacco, attualmente all esame della Camera, che prevede il divieto di vendere sigarette ai minori di 18 anni. Propone inoltre di ''rivedere la legge 626 del 1994 sulla prevenzione e sicurezza del lavoro, prevedendo di inserire il fumo tra gli elementi nocivi per la salute dei lavoratori. 
 Il divieto di vendere sigarette ai minori di 18 anni e', secondo Livia Turco, ''una misura opportuna e giusta che ritengo sia nostro dovere adottare quanto prima''. In Italia, prosegue, i fumatori sono piu' di 11 milioni e la classe di eta' con il maggior numero di fumatori e' quella tra i 25 e i 44 anni, sia per gli uomini che per le donne. Per il ministro ''deve far riflettere il fatto che stia aumentando la percentuale di giovani che iniziano a fumare ancor prima dei 14 anni soprattutto tra i maschi (+60% tra il 2000 e il 2005)''. Fanno riflettere anche i dati su chi cerca di smettere di fumare: mentre i fumatori fra 30 e 59 anni che hanno deciso di smettere sono aumentati del 4%, e' diminuita del 3% la volonta' di smettere nei giovani fra 14 e 29 anni. Dati che, per Livia Turco, fanno ''convenire sulla necessita' di una ripresa forte delle iniziative di contrasto e soprattutto di prevenzione''. Alla luce di questa situazione e' ''opportuno aggiornare la legge del 2003, soprattutto per garantirne una piu' incisiva applicazione in ambienti particolari e complessi, a partire dal mondo della scuola, come stiamo valutando di fare insieme al ministro Fioroni''. Servono, per Livia Turco, nuove politiche per ''scoraggiare i fumatori'', che puntino soprattutto sul ''convincimento stabile della persona''. E' intenzione del ministro ''promuovere una nuova azione concertata di controlli a tappeto sul rispetto delle attuali norme, soprattutto nei locali pubblici, con particolare attenzione agli atri delle stazioni ferroviarie, ai centri commerciali e agli uffici pubblici aperti al pubblico''. Giudizio positivo del ministro sulle proposte in discussione, come l'accesso ai distributori automatici di sigarette solo tramite una tessera che identifichi l'eta' del consumatore e la limitazione dell'apertura dei distributori alle ore notturne e non alle 24 ore, come proposto da alcuni operatori del settore perche', osserva, l'apertura 24 ore su 24, ''rappresenterebbe di per se' un allargamento dell'offerta di prodotti riconosciuti dagli stessi produttori come nocivi per la salute''. Infine il ministro della Salute intende ''aiutare i fumatori coinvolgendo anche i medici di famiglia in interventi mirati, prevedendo la rimborsabilita' dei farmaci per le fasce di reddito non abbienti, inserendo le attivita' di prevenzione e cura del tabagismo nei livelli essenziali di assistenza per consentire l'accesso ai servizi in modo gratuito o pagando un semplice ticket''.
 
Archivio notizie   

Ordine dei Farmacisti della Provincia di Pesaro e Urbino
Galleria Roma, 8 - Scala D
61100 Pesaro
Tel. 0721 34802 - Fax 0721 378112
e-mail: info@ordfarmacistips.it
            ordinefarmacistipu@pec.fofi.it

Privacy Policy  

Ordine dei Farmacisti della Provincia di Pesaro e Urbino Copyright 2019

Cookie Policy