Ordine dei Farmacisti della Provincia di Pesaro e Urbino

giovedì 24 Settembre 2020

 

ricerca avanzata
 
 
Farmacie di turno
 

I turni delle farmacie della provincia vengono aggiornati ogni mese.

 
Farmacie della Provincia
 


L'indirizzario delle Farmacie viene aggiornato semestralmente.

 
Indirizzi utili

Aziende U.S.L., Ospedali, Guardia Medica, Ordini Farmacisti limitrofi, ecc.

 
 

Sanità ultime notizie

3 settembre 2007
Lo stress del primo giorno di scuola

Le conferme scientifiche al riguardo

Le scene di bambini in lacrime che chiamano la mamma il primo giorno di scuola adesso hanno una conferma scientifica: l'impatto con le elementari e' una fonte di stress, a cui i piccoli alunni impiegano ben sei mesi, dal primo giorno di scuola, per abituarsi. E' il risultato di uno studio dell'universita' di Bath, in Inghilterra, secondo cui l'organismo dei bambini inizia a dare i primi segni di stress gia' sei mesi prima dell'inizio della scuola. L'indagine e' stata condotta su 105 bambini (53 maschi e 52 femmine) in attesa di iniziare la scuola primaria. Ai loro genitori e insegnanti e' stato chiesto di compilare un questionario sul carattere e il comportamento dei bambini, e di prelevare un campione di saliva due settimane e sei mesi dopo l'inizio delle lezioni. I ricercatori hanno analizzato il livello di cortisolo, un ormone associato allo stress, nei campioni: per avere un controllo, hanno fatto prelevare la saliva anche da tre a sei mesi prima dell'inizio della scuola. ''Sorprendentemente - spiega Julie Turner-Cobb, che ha coordinato lo studio - il livello di cortisolo era gia' molto alto prima dell'inizio della scuola. Lo stress aumenta ancora fino all'inizio della scuola, e impiega sei mesi a tornare a livelli normali, molto al di sotto di quelli dei primi campioni''. Secondo la ricercatrice, la colpa del fatto che i bambini sono cosi' ansiosi molto prima di quanto ci si aspetterebbe potrebbe essere dei genitori: ''Mamme e papa' sono i primi ad essere stressati per l'ingresso a scuola del loro figlio, e gli trasmettono il disagio, mentre invece dovrebbero cercare di diminuire il suo livello di ansieta'''. Ad essere piu' a rischio stress sono i bambini piu' vivaci: confrontando i valori di cortisolo con i dati comportamentali e' emerso che gli alunni piu' estroversi e attivi hanno un picco dell'ormone piu' alto degli altri, e impiegano piu' tempo per tornare a livelli normali, probabilmente perche' la natura impulsiva li mette molto piu' spesso in situazioni che richiedono confronto con gli altri e assunzione di responsabilita' nelle decisioni. Il problema dello stress riguarda anche i bambini italiani:''Il problema principale e' l'impatto con le regole sociali che ha la scuola, che invece in famiglia spesso non si hanno - commenta Giorgio Pitzalis, pediatra dell'universita' 'La Sapienza' di Roma - i genitori dovrebbero iniziare prima che comincino le lezioni a regolare un po' di piu' la vita dei bambini, ad esempio con orari fissi, per diminuire il trauma dell'impatto''. Bambini piu' stressati pero' non vuol necessariamente dire meno sani:''Dopo sei mesi quasi tutti i soggetti tornano a livelli normali - spiega ancora Turner-Cobb - e questo stress temporaneo aiuta il bambino ad imparare ad affrontare meglio le situazioni di emergenza. Bisogna preoccuparsi solo per i casi in cui il cortisolo rimane alto, perche' segnala un disagio vero e propio nello stare a scuola''. Monitorando la salute dei bambini studiati, i ricercatori hanno trovato anche la conferma alla 'maledizione' per cui questi si ammalano sempre durante le vacanze. Dai questionari e' emerso infatti che gli alunni con il cortisolo piu' alto, infatti, si ammalano di meno di raffreddori e influenze, ma quando vanno in vacanza questo ormone cala di colpo, e arrivano subito i malanni.
 
Archivio notizie   

Ordine dei Farmacisti della Provincia di Pesaro e Urbino
Galleria Roma, 8 - Scala D
61100 Pesaro
Tel. 0721 34802 - Fax 0721 378112
e-mail: info@ordfarmacistips.it
            ordinefarmacistipu@pec.fofi.it

Privacy Policy  

Ordine dei Farmacisti della Provincia di Pesaro e Urbino Copyright 2019

Cookie Policy